venerdì 25 febbraio 2011

LATTE? NO GRAZIE!

Nell'immaginario di molte persone le mucche vivono felici in pascoli verdi e donano volentieri il loro latte agli umani. Non è così! Nessun allevatore potrebbe permettersi una situazione del genere (nemmeno quello bio).
Le mucche da latte sono legate con catene in capannoni e dopo 4-5 anni di sfruttamento sono destinate al macello. Pensiamo che una mucca in natura potrebbe vivere fino a quarant'anni!
Per gli allevatori quando comincia a essere meno "produttiva" conviene mandarla al macello e sostituirla con una più giovane.
 La mucca (come ogni mammifero) produce latte alla fine di una gravidanza, e ovviamente questa secrezione è l'alimento completo per il suo pargolo. Nelle stalle appena la mucca partorisce il piccolo viene allontanato ( lei continuerà invana a cercarlo per giorni) e nutrito con latte artificiale, mentre a lei viene spremuta fino all'ultima goccia di latte per noi umani (conducendola anche a grazi malattie quali la mastite cronica).
La mucca produce latte per circa 10 mesi dopo il parto ( in natura svezzerebbe completamente il piccolo), ancor prima che finisca il tempo di mungitura viene rifecondata (sempre artificialmente) perchè l'allevatore non abbia troppi mesi di "perdita".
Il vitello? Se maschio viene macellato dopo qualche mese per far sì alle macellerie di avere "la vitella da latte", se femmina farà la stessa fine della mamma.
Comprando il latte noi finanziamo tutto questo.
Da piccola i miei prozii gestivano una piccola stalla e più volte hanno provato a farmi bere il latte appena munto, ma non c'è stato verso. Era così denso e grasso ... imbevibile ... e pensandoci ora capisco perchè era così corposo ... era il sostentamente del vitellino. Quello che si compra a confronto di quello (anche l'intero) sembra acqua sporca .... chissà quali lavorazioni ci stanno dientro.
L'uomo è l'unica specie che continua a bere il latte dopo lo svezzamento ... e per lo più beve il latte di un'altra specie. Non stupiscono poi tutte le intolleranze.
Se una persona è davvero amante di latte, panne e formaggi può acquistare quelli vegetali. Una dieta vegetale varia ed equilibrata ci dà tutto quello di cui abbiamo bisogno.
L'unica vitamina che necessita di ssere presa con un integratore è la vitamina B12. Che non viene prodotta dagli animali , ma è un batterio che stà sul suolo... se non ci fosse tutto questo inquinamento noi potremmo mangiare i frutti raccolti dalla terra senza lavarli e avremmo già a nostra quota di B12. Chi mangia carne e derivati animali la assune ( non si sà però se in dosi appropriate) perchè è sato aggiunto un integratore all'alimentazione degli animali (insieme a tante altre schifezze).

per saperne di più:
http://www.infolatte.it/

2 commenti:

  1. concordo con te e ti seguirò ma,
    credimi, non è OVUNQUE così, in Svizzera
    da che mi sono documentata NON CI SONO ALLEVAMENTI INTENSIVI, però da gennaio di quest'anno ho ABOLITO completamente dalla mia dieta la carne, sto mangiando sempre meno pesce ed entro fine anno pure lo abolirò.
    Però, per quanto riguarda i DERIVATI ANIMALI (latte vaccino e uova) non mi sento ancora di lasciarli, visto pure che non sono GIOVANE come te e, cmq, bisogna andarci x gradi, e, in ogni caso, andando cmq versola menopausa nei prossimi anni, credo che, dover far capo solo all'alimentazione vegana (visto pure che il latte anche vegetale lo bevo ma per esempio dentro al caffè non mi piace) e poi, comunque, i latticini (e i derivati come i formaggi che mi piacciono) sono ovunque (anche in un dolce o perlomeno le uova) e alla fine diventa davvero complicato alimentarsi senza complicazioni e dover far cmq capo agli integratori alimentari x la vitamina B12...certo se un giorno ci riuscirò sarò comunque contenta ma mi devo informare meglio prima su come procedere per non avere delle carenze (che già ho avuto qualche problemino di salute e lo sto avendo ora). Cmq bello vedere BLOG così e persone giovani come te che han fatto questa SCELTA ETICA E DI SALUTE..un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. Io da quando ho intrapreso questo cammino ho conosciuto tante persone veg, alcune da un giorno all'altro hanno smesso di mangiare sia carne, pesce e derivati, altri (come me) per gradi.
    L'allevamento intensivo è l'apice della sofferenza, io non credo che negli allevamenti bio le mucche siano felici. Sono stata in autria un mesetto fà e lì ho visto tanti pascoli all'aperto ... e mi sono chiesta ce quelle mucche fossero felici... Si forse più delle loro simili chiuse in stalla ... Ma il loro destino non è forse sempre segnato? Le loro mammelle non sempre usate come rubinetti?
    Tutti possono iniziare un cammino in questo senso in qualunque età (anche in gravidanza) .. può portare solo del gran bene.
    Io personalmente sono contraria agli integratori (b12 compresa) perchè non credo sia possibile che sostanze sintetiche contenute in boccetti per chissà quanti mesi possano portare qualcosa che i frutti della terra succosi e vitali non possano contenere. Ma questa è la mia umilissima opinione.
    Per fare luce un pò sui tuoi dubbi potresti leggere qualcosa sul mitico Valdo Vaccaro (ho un blog ricolmo di tesine) o anche su scienza vegetariana.

    Ti auguro una buona giornata e un cammino di luce

    Un abbraccio

    RispondiElimina