lunedì 9 maggio 2011

ACQUA DI ROSE

Io ho la fortuna di avere qualche pianta di rose in giardino (a proposito se queste sono attaccate da afidi o altri parassiti ricorrete al macerato d'aglio è molto efficace) e utilizzo i fiori per farmi una profumatissima acqua di rose. Preparo piccole dosi (massimo uno o due fiori) e l'acqua che ricavo mi dura una settimana in frigorifero  (utilizzandola mattina e sera) ma se volete conservarla di più dovete aggiungere un conservante ( o un pò d'alcool).
Non sono un amante dei fiori recisi, per cui aspetto che il fiore si sia aperto del tutto e poco prima che inizi ad appassire lo colgo per preparare l'infuso. Metto in una ciotolina tutti i petali staccati e anche il nucleo centrale e lo ricopro di acqua ben calda (ma non bollente). Copro (anche con pellicola da cucina) e aspetto qualche ora. Poi filtro e travaso in una boccettina. I petali li metto a seccare ... non sò ancora cosa ne farò, ma un idea (o una scopiazzata) la troverò :)

4 commenti:

  1. Mi piace e siccome ho pure le rose mi sa che me la faccio non appena cadono i petali!!
    Ciao e grazie per l'idea!

    RispondiElimina
  2. Con i petali essiccati puoi leggermente profumare il tè, li mesoli alle foglioline secche di tè e poi ci fai l'infusione :)

    RispondiElimina
  3. Buona idea ... Edera !
    Dov'eri al veganfest? Io ho fatto un giretto di corsa (causa cane insofferente :/) ma non ti ho vista ... alla prossima

    RispondiElimina