giovedì 4 dicembre 2014

MARMELLATA GOLOSA PERE E CACAO

Buonasera a tutti.

Andiamo dritti al sodo. Lo ammetto adoro il cioccolato.

Questa è una crema spalmabile (in realtà una semplicissima marmellata di pere con aggiunta di cacao) che ci permetterà di gustarci il sapore del cioccolato senza troppi sensi di colpa.

Questo è il metodo che utilizzo io:

Occorrente:
- vasi di vetro con capsula per il sottovuoto (quella che fà clik clak) di riciclo

- 1 kg di pere mature (perfette quelle tutte ammaccate che sia dal fruttivendolo che al super sono a meno di metà prezzo)
- 300 gr di zucchero di canna integrale
- Limone (succo)
- Cacao amaro

Sterilizzazione dei vasi
(cosa che ho iniziato a fare da qualche mese .. Prima facevo marmellate senza sterilizzare e non è mai successo nulla... Ma meglio essere un pò più precisi)

Metto in una grande pentola i barattoli ben lavati senza il tappo, pieni di acqua foderando la pentola e i vasi stessi tra loro con canovacci, riempo poi la pentola con acqua sommergendoli, aggiungo anche i coperchi.
Porto a bollore il pentolone, calo la fiamma e faccio sobbollire per 20- 30 minuti. Spengo il fuoco.

Ora appena possibile estraggo i vasi e i coperchi, li posiziono nel forno (ben sgocciolati) al minimo per altri 20- 30 minuti ... Sino a che saranno ben asciutti.
Di solito durante quest'ultima operazione preparo la marmellata che ci mette esattamente 20-30 mnuti a cuocersi, così le due fasi coincidono e posso imbararattolare la mia confettura.

Preparazione della marmellata

Taglio a pezzetti le pere (tolgo la parte centrale ma non la buccia), aggiungo lo zucchero e mescolo. Metto tutto in una pentola e a fiamma vivace faccio sciogliere, dopo 5-10 minuti frullo con il frullatore a immersione frantumando i pezzi di pera in modo che il tempo di cottura si riduca.
Lascio cuocere un altro pò...
Prima della fine cottura (circa 5 minuti prima) aggiungo il succo di un limone.
Quando la marmellata sarà densa spengo il fornello e aggiungo il cacao. Per verificarla mettetene un cucchiaino su un piatto e fate raffreddare. Avrete idea della densità che raggiungerà una volta pronta.
Ora trasferisco la marmellata nei vasi, avendo cura di lasciare libero circa un centimetro o poco più dal bordo. Chiudo bene col tappo e metto sottosopra.

I vasi vanno girati quando sono freddi. Se qualche capsula non ha preso il vuoto riporla in frigo e consumare entro qualche giorno.

La marmellata ottenuta dura circa 6 mesi, in teoria se il rapporto di frutta zucchero viene portato 2:1 (500 gr di zucchero 1kg di frutta) il vostro preparato durerà 12 mesi.
Io personalmente non amo confetture troppo dolci e mi trovo bene così,

a volte calo anche leggermente lo zucchero.



sabato 29 novembre 2014

ARANCINI DI RISO LEGGERI


Ciao a tutti,
ecco una proposta di un piatto siciliano tremendamente buono, e anche terribilmente calorico.

Io li ho assaggiati di recente a Treviso (gastronomia "la conca d'oro") dove una coppia di signori (lui siculo lei veneta) ne propogono anche due versioni vegan ... Davvero ottimi, enormi, squisiti.
 Ma troppo per il mio stomaco che ormai riconosce il cibo non troppo "salutista".

Io li faccio più piccoli dei tipici arancini (poco più di una pallina da golf per intenderci) e non li friggo, ma li passo al forno. Ci vuole un pò di tempo ma sono davvero facili e gustosi.


Ci occorrono:

- riso già cotto e lasciato raffreddare(io ho usato quello per risotti)
- ragù a piacere meglio se fatto da voi (di soia, con verdure, con seitan.. quello che vi pare)
 - zafferano
- farina
-pangrattato

Lavoro il riso cotto con lo zafferano e lo insaporisco con sale e pepe... aggiungo un pochino di farina in modo che "leghi" meglio e non si rompano le palline più tardi.
Metto nella mano circa un cucchiaio di riso, creo una sorta di incavo al centro, pongo un pò di ragù vegetale (meglio se è bello denso) e poi richiudo con altro riso. Comprimo bene la sfera ottenuta e la faccio rotolare in un piatto che precedentemente ho riempito con il pane grattato.
Non mi rimane che armarmi di pazienza e ripetere l'operazione più volte.

In una pirofila pongo un foglio di carta forno, leggermente unto con un pò d'olio extravergine (giusto per essere sicuri che non si attacchino gli arancini), ci adagio gli arancini e  inforno a 200°C, sul ripiano alto, in modalità grill per circa 15 minuti, girandoli a metà cottura per farli dorare omogenamente.

Un filo d'olio sopra e sono perfetti. Ottimi accompagnati da verdure crude di contorno.

venerdì 31 ottobre 2014

CENA BENEFIT

CIAO A TUTTI!

(nella foto colonia rattine recuperate da una signora che ci ha detto "non mi potro mica tenere queste bestie" con tanto di quel disprezzo che non ne avete idea ... inutile dire maschi e femmine intere insieme, condizioni ingeniche inappropriate (avevano la rogna), cuccioli morti di cui non si erano nemmeno accorti . Io le trovo splendide e la cosa che più ci rende orgogliosi e che stiano bene e siano sereni)


 ... Ecco la locandina della cena:



Capisco che il lundì sia un giorno "scomodo" per impegni vari, lavoro, figli... E chi più ne ha più ne metta...
MA vorremmo partecipaste numerosi per festeggiare insieme più di un anno di lavoro, che ci ha permesso di rendere felici molti animali... Inoltre il locale (pera serata cena vegan, bio e con frutti di stagione) sarà nostro in esclusiva e la cena non sarà di quelle lunghe e infinite... VI ASPETTO!

lunedì 20 ottobre 2014

POLPETTE D'AUTUNNO

Ciao a tutti!

Volevo chiamare queste polpette "di riciclo"; ma d'autunno è più carino... Le nobilita un pò.


La "polpetta" per me è l'apoteosi del mettere insieme cose avanzate. Abbiamo qualche verdura/ legume già cotto avanzato a cui vogliamo dare nuova veste? Niente di più facile di sminuzzarlo e farne delle belle palline.

In questo caso ho inglobato (senza nemmeno scomodare il frullatore):
- Un pezzo di ZUCCA cotto schiacciato con la forchetta
- CASTAGNE lessate sbucciate e sbriciotale
- LENTICCHIE lessate
- mezza PATATA lessata e schiacciata con la forchetta
- NOCE MOSCATA
- SALE, PEPE
- un filo D'OLIO EXTRAVERGINE
-  un pizzico di FARINA per fare più consistenza

Ricavarne delle palline poco più grandi di una noce e infornare con modalità grill a 200°C circa, per 15 minuti circa fino a
che non saranno croccanti fuori, girarle aiutandosi con una palettina da cucina e far dorare anche l'altro lato.

venerdì 3 ottobre 2014

BABAGANOUSH

Buonasera!

 

(Da premettere : io adoro le melanzane ^-^)


Salsina buonissima dalla cultura medio orientale.
Ottima per farcire panini e pizzette e da accompagnamento. Fredda rende di più.

E' detta anche Hummus di melanzane.

Quindi fino a che la stagione e la terra ci offrono questi bei frutti violacei ... Questo è un buon modo per adoperarli.

 Ci occorrono:

- 1 melanzana grande
- 1 o 2 spicchi d'aglio
- 1 cucchiaino di tahin (crema di sesamo)
- succo di un limone
- prezzemolo
- sale, pepe
- paprika (facoltativo)


In teoria la melanzana andrebbe incisa, avvolta con alluminio e messa in forno a 200°C (tipo cartoccio), scartando la buccia e utilizzando solo la polpa. Io per velocizzare e non accendere il forno unicamente per questo motivo la cuocio a vapore e utilizzoper intero la melanzana.

Metto nel bicchiere del frullatore a immersione : la melanzana cotta, l'aglio, il tahin e il prezzemolo. Ottenuta una buona crema omogenea aggiusto di sale, pepe e limone.

Se volete potete aggiungere un filo di un buon olio extravergine e una spolverata di
paprika.


venerdì 26 settembre 2014

BISCOTTI DA COLAZIONE .. E NON SOLO


Buon pomeriggio a tutti,

Oggi dò una ricetta semplice per dei biscotti da colazione. Basici e spartani, una frolla semplificata all'osso con possibilità di aggiungere per chi ha tempo o vuole mettere quel qualcosa in più. Perfetti da inzuppare nel latte (VEG!) o nel the.
 Della serie ci si mette meno a farli che ad andarli a comprare.

 E' una ricetta vista e rivista... La utilizzo anche per le crostate. Poco da dire, un alleata.

Ringrazio dello spunto la carinissima Emanuela che ho avuto la fortuna di conoscere tramite l'adozione di alcune rattine salvate da un laboratorio.

Occorrente:

Impasto "base":
- 250 gr di farina (meglio se bio e integrale)
- 60/ 70 gr di zucchero di canna grezzo
- 50 gr di olio (io direi girasole bio a gusto personale)
- Mezza bustina di lievito in polvere
- Latte vegetale o anche acqua quanto basta

Opzionali:
- Buccia di limone o arancia grattata
- Gocce di cioccolato fondente
- Vaniglia in polvere
- Cacao amaro
- Frutta secca tritata

Ok, mischiare i primi ingredienti aggiungendo latte vegetale sino a formare un impasto che non si sbriciola troppo. Deve rimanere "frolloso" così i biscotti saranno morbidi e allo stesso tempo fragranti.
A questo  punto si può anche inserire uno o più ingredienti opzionali, così giusto per dare un tocco diverso. Io ho optato per la buccia di limone (accertatevi non sia trattata).
Stendere con in matterello, avendo prima cosparso di farina il piano, uno strato alto circa un centimentro di impasto e tagliare i biscotti. Io trovo che il formato "migliore" sia il rettangolo (o il rombo) tagliato con la rotellina per la pasta fresca.


Disporre su carta forno e cuocere a 180- 200 ° C per una decina di minuti, dispondendo la placca al centro.


sabato 20 settembre 2014

"CATTURA" INCRUENTA DEL TOPINO

Eccoci qui, buonpomeriggio a tutti.


Oggi voglio dedicare un post ai bellissimi e fetentissimi topolini di campagna ^-^.
Queste meravigliose creaturine trovano il modo di infilarsi in casa (specialmente se inizia il freddo), una volta li la convivenza è davvero difficile (urina e feci ovunque, rosicchiano i fili richiando spesso di rimanere fulminati, mangiano legno e plastica, mangiano cibo che lasciate a portata di zampa ... ecc..).
Io ho la fortuna di avere il camino nella mia casetta, ma al posto di babbo natale mi arrivano giù i topolini e non solo un giorno l'anno.
Ora le soluzioni per "catturarli" senza fare loro del male esistono e funzionano... trovo quindi ingiusto e crudele utilizzare trappole a molla, ghigliottine o colle o qualunque altra barbaria.
E' fondamentale non dimenticarsi nulla di edibile in casa dove possono accedere altrimenti non cadranno nel vostro tranello.
Io ho sperimentato queste.

- Trappoline "a cattura"
Esistono sia tonde tipo igloo nella quale ci sono una o due aperture e il cibo viene posizionato all'interno; sia rettangolari dove il cibo viene attaccato a una stanghetta di metallo che è collegata con l'apertura che si chide a scatto al minimo colpo. Io consiglio la prima poichè la secondo fà correre il rischio di schiacciare la coda alla bestiolina.
I cibi che ho trovato più amati (parlo di cibi veg perchè tanto in casa mia altro non trovano... Eppure ne sono arrivati parecchi) sono : crocchette per cani, frutta secca (soprattutto noccioline e noci), fagiolini cotti,frutta dolce, biscotti.
Dicono che le trappoline andrebbero toccate solo con i guanti poichè altrimenti i topi si accorgono del bluff. Secondo me è una stupidata in quando il cibo che mi rubano lo ho toccato eccome !

- Dispositivi a ultrasuoni. Costosetti e secondo me poco utili.
Ne avevo preso uno parecchi anni fà da un famoso sito che vende per corrispondenza.
C'è scritto che posizionandolo bene le onde dovrebbero infastidire e far uscire i topetti (e anche gli insetti). Ma a parte che io non l'ho trovato funzionale, queste onde non daranno fastidio anche agli animali domestici? Le istruzioni dicono di no... Ma c'è da fidarsi?

- Secchiello
Rullo di tamburi, il metodo più utile trovato.
Metto un seplice secchiello (alto 50-60cm almeno e dalle pareti lisce) vicino dove passano i piccoletti, ponendo sul fondo dei bocconi prelibati. Loro saranno attratti e ci salteranno dentro (devono essere agevolati a entrare es. mettete vicino al secchio



qualcosa che funga da scaletta) e una volta all'interno non riusciranno a uscire.

Una volta preso l'ospite non gradito basterà fare un pò di strada e liberarlo in campagna avendo qualche piccola accortezza : non ci siano troppi gatti nei dintorni, rifugi dove rintanarsi e passare ogni tanto a lasciare loro del cibo.

Mi auguro di essere stata utile, per qualunque cosa non esitate a contattarmi ^-^

venerdì 15 agosto 2014

D.I.Y. : PROVIAMO A SALVARE UNA T-SHIRT?


Ciao a tutti,
questa è una "tattica" che avevo trovato qui e qui.
Abbiamo una maglietta che ci piace ma è davvero oversize? beh così ce la possiamo risagomare addosso.
Lo sò, lo sò ... Sono di moda le magliettine molto grandi ma io non le sopporto.. Mi sento una bambina con i vestiti della mamma o peggio ancora sento di indossare un sacco.

Ho fatto un percorso che mi ha portato a perdere diversi chili in eccesso, e ho dovuto cambiare in pratica tutto l'armadio... MA IO AMAVO CERTI CAPI! Erano collegati a ricordi, occasioni particolari...E in più riutilizzare qualcosa che altrimenti devi buttare è un risparmio economico e ecologico. Questa tecnica per me è stata un ancora di salvataggio.

Occorre:

-La macchina da cucire
- Una maglietta che vesta giusta (della nostra taglia)
- La maglietta da ridimensionare
- Forbice
- Spilli
- Gessetto o pennarello

Stendere la maglietta da ridimensionare sul tavolo a rovescio, avendo cura di "spianarla" per bene (meglio nessuna piega o arricciatura).

Posizionare sopra la maglietta della nostra taglia e col gessetto o pennarello (ovviamente non indelebile) tracciare la sagoma avendo cura di sporgere di 3-4 cm per avere un minimo di bordo..
Maniche comprese. Anche perchè ricordiamo che la maglietta incriminata andrà poi rivoltata perchè attualmente è al rovescio.


Fermare con gli spilli il tessuto un pò all'interno rispetto alla sagoma tracciata, e tagliare con la forbice l'eccedenza di tessuto.


Cucire a macchina prima la sagoma, poi (se sono da strngere anche le maniche o accorciare la maglietta) fare un bordino di circa 1 cm (volendo lo si può fermare col ferro da stiro) e cucire anch'esso. Io di solito non faccio il bordino sulle maniche e levo anche il colletto girocollo.

Ho cercato di spiegare come meglio potevo, se avete dubbi chiedete io son qui. Oppure andate al link originale.

Buona serata!

domenica 6 luglio 2014

VEG CAPRESE




Ricetta veramente "basic" con cui partecipo alla raccolta di ricette ecozoiche di MAVI.

http://www.cucinaecozoica.com/cucina-ecozoica/per-tutte-le-pecore-nere-laboratorio-della-creativita-ecozoica-con-premi.php 

L'altra sera abbiamo (io e Gian) acceso il fuoco per fare una bella grigliata di verdure, intanto che si preparavano le braci siamo stati un pò a mettere a posto l'orticello di casa e sono saltati fuori i primi pomodorini.
Ho pensato alla bellezza di raccogliere le cose dalla pianta, dalla terra... Curarle ogni giorno per poi cogliere i risultati e mi sono detta che poteva essere giusta per questa occasione.
Bella, profumata, fresca, fà estate!

Io ho usato
- pomodorini dell'orto tagliati in quattro
- basilico coltivato da noi
- formaggelle autoprodotte (oppure un ottimo vegrino, oppure tofu a cubetti)
- olio extravergine, sale e pepe

Ottima subito oppure anche dopo un oretta in frigorifero.

Abbino al piatto questa canzone, ancora una volta non il mio genere. Ma la trovo deliziosa e fresca.
https://www.youtube.com/watch?v=YJy8UaHZE-s


mercoledì 2 luglio 2014

HO TROVATO UN PICCIONE COSA FACCIO?

(Piccioni nel centro di Siena... Che altro potevo immortalare?!)


 L'anno scorso così ho conosciuto una persona molto graziosa, mi è arrivata una mail che mi diceva che avevano trovato un piccolo di tortora e chiedeva se avevo qualche dritta.

 ******************************************************************
 Io non sono un veterinario e non ho alcuna qualifica, tutte le dritte che darò sono date dall'esperienza poichè in questi ultimi anni abbiamo dato rifugio (si l'ostello del colombo) a diversi piccioni.
Non ho avuto buoni rapporti e fiducia negli enti appositi per il recupero dei volatili, ma forse perchè ho trovato una specie per loro molto poco interessante.
*******************************************************************

Trovare un piccione in difficoltà, sia che abitiate in camapagna sia che abitiate in città, non è una cosa rara. C'è chi lo raccoglie e fa del suo meglio (magari sbagliando ma con le migliori intenzioni), c'è chi si gira dall'altra parte e pensa non sia un suo problema o tutto al più scrive una nota su fb dicendo che c'è un piccione che non vola in un posto ben preciso.
Io faccio parte del primo gruppo di persone, ho sempre agito così anche da bambina.
Magari sbaglio, a volte quando l'animaletto malcapitato muore non posso non chiedermi se avesse avuto più possibilità di sopravvivere in natura senza che io intervenissi. Non posso che umanizzare la cosa e pensare che morire in una casa calda e sempre meglio di morire fuori al freddo o sotto un auto.
 Ma torniamo al nostro discorso...

Io consiglio di recuperare il piccione (se non riuscite a prenderlo vuol dire che così male non stà), porlo in un gabbione o scatolone con acqua e cibo (vendono sia nei negozi per animali che nei consorzi granaglie per tortore o galline).

Scrutando la bestiolina possiamo capire:

- Se è giovane o adulto
A parte la stazza,la presenza di piumotti gialli o il verso somigliante a uno starnazzo d'anatra ci indicano che è ancora piccolo. Questo è un buon segno perchè ha buone possibilità di riprendersi... Magari è volato giù dal nido solo perchè il suo tentativo di volo è andato male!

- Se è malato o ferito
Controllare se ha ferite o tiene le ali o le zampe in modo anomalo, controllare se ha parassiti (sono comunissimo dei bisciolini e mosche che stanno di solito sotto le ali per cui occorre somministrare uno spray che si chiama NEOFORACTIL che si trova in farmacia), controllare se ha bolle (specialmente su becco e faccino è molto probabile sia vaiolo .. malattia che li porterà alla morte purtroppo), controllare se ha ferite e nel caso disinfettare con betadine o clorexyderm o disinfettante.

- Se l'animale è vispo o mogio
Se è mogio e non tenta di lottare c'è seriamente da preoccuparsi

- Se ha mangiato da poco
Tastando il gozzo si sentono dei granellini se ha mangiato. Se entro qualche ora non si alimenta da solo occorre aiutarlo.
A me hanno insegnato il metodo della siriga (quella da 2,5ml ) tagliata traversalmente e rienpita con le granaglie... Non c'è un modo "gentile" per alimentare il colombo forzatamente: bisogna alzare la testolina, inserire dal becco parte della siringa e spingere lo stantuffo. Qui un video che spiegherà meglio il da farsi.
Per quanto riguarda i liquidi se non beve autonomamente pocciare il becco nella ciotolina dell'acqua e se anche così non reagisce bevendo un pò, fornire con una siringa (stavolta una piccola da insulina) un pò d'acqua. Piano e graduatamente perchè è molto facile farla andar loro di traverso.

- Se ci vede
Avvicinando la mano al faccino noterete se vi vede o meno. A volte prendono botte per cui perdono la vista.

- Se è in grado di volare
Provate a "lanciarlo" (DELICATAMENTE) verso l'alto da non più di un metro d'altezza. Capirete se è in grado di volare, se non ci prova nemmeno, se spiega le ali, se tende a trascinarne una (cosa che capita spesso e può indicare fratture fresche o già saldate in modo non corretto)



Inutile dire che una visita dal vet. vi darà molte più informazioni e sicurezze, ma a volte per diverse ragioni (orari o mezzi) non è possibile. Ogni volta che imparerò qualcosa di nuovo aggiornerò questo post, con la speranza che possa essere utile.




martedì 17 giugno 2014

FRUTTA A COSTO ZERO

 *******
 Con questo post partecipo a ..

http://www.cucinaecozoica.com/cucina-ecozoica/per-tutte-le-pecore-nere-laboratorio-della-creativita-ecozoica-con-premi.php


E abbino questa canzone che trovo davvero spontanea e fresca, anche se poco il mio genere.

*******



Ciao a tutti!

Non so voi, ma io ADORO la frutta, specialmente quando fà caldo, specialmente d'estate perchè c'è l'imbarazzo della scelta.

Sono partita con la mia biciclettina e ho raccolto queste cose meravigliose ...


Oltre ai soliti gelsi con cui farò la marmellata, ci sono questi fruttini rossi che sembrano ciliege ma sanno tipo di susina/prugna ... Non ho idea di cosa siano, ma sono davvero buoni!


Non capisco perchè dobbiamo lasciare che questi alimenti fantastici si sfracellino per terra, è così bello cogliere il frutto dall'albero invece di trovarlo invaschettato al super.
Lasciamone sempre una parte per insetti e uccellini, ma godiamoci anche noi i frutti della madre terra, che ci vuole così bene (nonostante noi la bombardiamo ogni giorno) da regalarci tutto quello che ci occorre e anche di più.




mercoledì 4 giugno 2014

NOZIONI ELETTRICHE APPLICATE

Ciao a tutti!

PREMESSA INIZIALE  OBBLIGATORIA : QUESTA E' LA MIA SEMPLICE ESPERIENZA E PER NESSUNA RAGIONE VOGLIO SOSTITUIRMI A PROFESSIONISTI DEL MESTIERE.


Ho scoperto che i miei adorati conigli (è ironico... li ho minacciati di finire al forno ... Ma hanno capito stavo bluffando e continuando a saltellare si son prensi gioco di me) hanno spostato un pannello e mangiato il filo del freezer a pozzetto.
Fortunatamente nessuno si è fatto male e questa è la cosa più importante.

Ora rimaneva da riparare. I miei fratelli, anche se sono più piccoli di me, sanno fare un sacco di cose pratiche, così ho chiesto se mi avrebbero aiutata (loro fanno io guardo) a sostituire il filo ed evitare di chiamare l'elettricista (anche perchè era sabato e per di più lunedì era anche festivo).
Simone mi ha sostituito il filo, con una dose esagerata di pazienza alle mie continue domande "perchè fai così?" o "Sei sicuro?" o "Non è meglio fai così?"... Ma alla fine mi ha insegnato bene e per mettermi alla prova se ero capace ho fatto la stessa cosa sostituendo la presa finale e togliendo una parte di filo dell'aspirapolvere (questo era stato assaggiato dai topini di campagna, i conigli non c'entrano a ognuno le sue colpe).

Ora vediamo se riesco a rendermi un pò utile e spiegare anche a voi quello che ho imparato.



- Stacco il cavo dal canale elettrico;

- Taglio il filo al punto dove non è più utilizzabile;

- Tolgo parte della plastica che riveste i fili interni più piccoli;

- "Pelo" i fili interni, stando attenta a togliere solo la plastichina che protegge i fili di rame (vendono forbici apposta) e arrotolo leggermente i filamenti di rame per tenerli uniti;

- Collego il nuovo filo, il mammut o nel mio caso una nuova presa elettrica tenendo a mente che i colori devono essere mantenuti e il COLORE GIALLO (che nell'aspirapolvere non era presente ma nel congelatore si) deve sempre essere collegato nel perno centrale di una presa a tre;
 Per i fili basta unire le due parti di rame e avvolgere con nastro isolante, per prese o mammut vanno smontati e inseriti i filamenti di rame nei buchini e avvitati ben stretti, successivamente richiusi i connettori.
A questo punto il gioco è fatto. E' molto importante le parti di rame (conduttore) dei diversi cavetti  non tocchino tra loro, quindi tenerli ben distanziati e se serve separare con nastro isolante (plasticoso di solito blu o nero).

- Incocio le dita infilo la nuova presa e spero non solo che l'elettrodomestico funzioni, ma che non mi salti tutto l'impianto elettrico.

E' andata bene, spero di essermi spiegata al meglio. Se avete precisazioni o cose in cui correggermi non esistate a commentare, mi regalerete altre importanti informazioni e un post più completo.


sabato 31 maggio 2014

VISIONI A PEDALI


Buongiorno a tutti!

Dopo una cosa come dieci anni che non andavo in bici, mi è venuta la fissazione di voler ricominciare.. Il vago terrorre di non essere più nemmeno capace (orride immagini di me con le rotelline dietro come i bimbi).
 E invece... devo dar ragione al detto che non si scorda una volta imparato ad andare in bicicletta. Cara Cesca, non sei sola nella bici-fobia!

Il tempo si è fatto bello e io ho la grande fortuna che oltre ad avere un lavoro che mi piace (è una gran gioia andare col sorriso sulle labbra al mattino), è pure abbastanza vicino a casa. Quindi perchè usare l'auto?

 Rovistando in cantina dei miei non ce ne era una funzionante, ai mercatini erano tutte da sistemare (io non ne sono per niente capace e avevo paura di spendere più in sistemazione che con una nuova), al negozietto del paese mi hanno sparato tipo duecento euro come prezzo base ..
Alla fine è arrivata LEI.

Semplice e aggraziata. Senza marce ne altri fronzoli.

OK, ha il portapacchi, ma serviva uno spazietto per appoggiare la borsa e magari piccoli oggetti o spese ridotte. Ho un pò un impedimento mentale a portare borse sul manubrio poichè da piccola mentre pedalavo mi è finito qualcosa nei raggi, sono volata in avanti spezzando un dente. Che male!


Così ho notato che le cassette per la frutta di plastica erano perfette.
Ne ho attaccata una al porta pacchi dietro con fascette da elettricista e fil di ferro. Poi ho segato la base di un'altra identica per ricavare un coperchio chiuso con un cordino in modo che non perdessi le cose mentre andavo.
Questa soluzione si è rivelata molto valida e a costo zero. Ma esteticamente non mi soddisfaceva.

Ho iniziato a cercare cestini con forme adatte e con coperchio, alla fine ho trovato una cesta color panna in plastica molto graziosa e dal sapore vagamente country.  L'ho attaccata nello stesso modo (fascette e fil di ferro) sostituendo la sua coraggiosa antenata.

Avrei adorato averne una di legno o vimini ma la manutenzione, il peso ridotto e la durabilità della plastica hanno avuto la meglio. 

In un mercatino ho trovato un cestello di ferro (di quelli che si mettono davanti), ma io non ho un supporto dove attaccarlo..
Un giorno in un parcheggio ho visto una bici che mi ha dato un'idea : attaccarlo con le fascette da elettricista (manubrio e forcella centrale). Non ci voleva molto, ma non ci avevo proprio pensato... Così a casa ho provato ed è perfetto, rimane saldissimo!
Decorato infine il cestello con un filo d'edera fissato su più punti.

Ho inserito qualche foto che possa far capire cosa ho combinato perchè ho il pensiero di essermi speigata da schifo. Se posso tornare utile in qualche modo o avete consigli, contattatemi!

E' davvero piacevole e rilassate poter concedersi il lusso di una pedalata tutti i giorni, si vedono cose che in auto non si colgono, il profumo nell'aria di tiglio, il sole sulla pelle, la frangia che col vento sul viso assume pieghe strane... E tanto altro.

giovedì 15 maggio 2014

COMPOSTA DI CIPOLLE ROSSE

Ciao a tutti!
Oggi propongo questa ricettina (con qualche piccola modifica dall'orginale per renderla vegan).
A me piace molto il sapore agrodolce...

 E approfitto del post per fare un appello sentito... SAPETE DOVE POSSO TROVARE DEL BUON CHUTNEY DI MANGO???? ... Non c'entra niente con la ricetta, ma da poco sono rimasta orfana da questo prodotto (una sorta di mostarda indiana speziata).. La prendevo in un supermercato ed era della marca "Geeta" ... Ora non si trova più neanche nei bazar etnici -.-

Ma torniamo alla nostra ricetta...
Ho preso questa ed ho fatto qualche leggera modifica (sostituito il miele con malto, aggiunto un paio di spezie e ridotto drasticamente lo zucchero).
Ci servono:
- 1 kg di cipolle rosse affettate anche non troppo sottili (si, piangete, piangete ...)
- 150 gr di zucchero di canna grezzo
- 100 ml di aceto balsamico
- 2 cucchiai di malto
- 2 foglie di alloro
- 4-5 chiodi di garofano
- un filo d'olio extravergine

Metto le cipolle in una casseruola col filo d'olio e un pochino d'acqua, a fuoco medio e lascio appassire per una decina di minuti. Aggiungo le spezie (garofano e alloro), l'aceto, il malto e lo zucchero. Abbasso il fuoco al minimo e lascio cuocere per circa un ora mescolando di tanto in tanto.
Il risultato sarà una "marmellata" di cipolle rosse con uno spiccato retrogusto di aceto.

La trovo ottima per accompagnare cibi un pò "noiosi" o comunque poco saporiti come verdure al vapore, tofu naturale ... o perchè no una bella bruschetta.

Spero di aver dato uno spunto utile, buon pomeriggio di sole a tutti !

domenica 4 maggio 2014

FERMA PORTE/FINESTRE DI RICICLO E FESTIVAL A PARMA

Buon pomeriggio a tutti!
Lo so .. lo so .. E' più di un mese che manco e ultimamente scrivo poco.
Non è che io debba giustificarmi, però essendo io stessa affezionata lettrice di diversi siti/blog ci rimango un pò male quando vedo che vengono un pò dienticati dall'autore, quindi immagino che sarà più o meno la stessa cosa per chi passa qui a leggere... E non c'è niente di nuovo.
I problemi sono stati sostanzialmente due : il poco tempo e l'umore un pò ballerino (quando non sono particolarmente contenta non mi metto qui a dedicarmi al mio bloggino).

Tornando a noi.

Mi occorreva un ferma porta ( pochè col vento altrimenti o si spalanca o sbatte).. Così ricordavo di aver visto da una rivista una cosa interessante alcuni anni fà. Ho provato a replicare a tentoni andando a ricordo. Il risultto mi sembra carino e funzionale.
Si riempe un vecchio barattolo (il mio è di metallo tipo conserva, enorme) di cemento a presa rapida si immerge al centro un cordone spesso a cui avremmo precedentemente fatto un nodo (così spostarlo sarà molto più pratico). Ora (prima che si asciughi il cemento) nella parte superiore dispongo incastrandoli dei ciottoli di fiume (carino anche con le conchiglie o le pietre di vetro),così arriveremo a bordo del barattolo e non si vedrà il cemento che forse esteticamente non è il massimo.
Ho poi dipinto il barattolo con smalto ad acqua e messo un cordino (attaccato con colla a caldo) tutto intorno all'interno per coprire la lamiera ed evitare di tagliarsi. Fatto!

Prendo l'occasione per invitare chi volesse partecipare a un bellissimo evento :

FESTIVAL PARMA ETICA
3 giornate dedicate alla salute, all'ambiente e agli animali

Si svolgerà il 6-7-8 giugno 2014 a Parma (ovviamente) presso il bellissimo parco Ex Eridania (zona Via Emilia Est) ci saranno tantissime iniziative per grandi e piccini, ristoro vegan (ovviamente), conferenze, attività, stand..
 ... Beh io non me lo perderei ^-^
 Per tutte le info:
 http://www.parmaetica.com/

" Uomo, natura, animali ... O si salvano o si perdono INSIEME"

giovedì 27 marzo 2014

IN MY HANDS (MANI E DINTORNI)

 Buon pomeriggio!

Le mani, sono una parte che mi ha sempre affascinato molto .. La forma, la gestualità, la manualità ... E' un pò un feticcio mi sà!

Le mani sono uno strumento indispensabile, nelle azioni vere e proprie ma anche come simbologia. Chi è orgoglioso specialmente sà bene il valore che ha una cosa 'fatta da sè'.
Dobbiamo ricordare che abbiamo il potere di scegliere, di fare, di decidere e di opporci.
 A volte è più facile lasciare correre o fare finta di nulla o peggio ancora farci andare bene qualcosa di storto. Ma ... Se lo vogliamo possiamo tutto! Niente scuse!

Ho trovato queso portaoggetti splendido da fare con la pasta da modellare (che sia argilla o pasta sintetica) dal sapore un pò etnico ....
In pratica su un cartoncino si fà la sagoma della propria mano, che si ritaglia poi dalla pasta da modellare (precedentemente stesa con un altezza di circa 2cm), incidendo le dita, si appoggia la manina ottenuta su una ciotolina (in modo da dare la forma "cava") e la si lascia seccare all'aria. Il tempo dipende dal tipo di materiale che utilizzate.
Ho spiegato a grandi linee perchè dal sito ci sono tutte le indicazioni precise anche se in inglese ma con le figure ...
Approfitto per dire che questo sito non è ne etico ne vegan (prima che qualcuno mi corra a dietro col forcone!)  ma regala spesso spunti interessati di autopoduzione .. Io lo trovo davvero grazioso!

A proposito di mani c'è questa canzoncina davvero celebre di Ben Harper, non è il mio genere davvero ... Ma a volte provo il bisogno di ascoltare questo artista  ... Mi dà calma, serenità..

E' incredibile quello che la musica riesce a passarci ...

sabato 22 febbraio 2014

DAL RIFUGIO GLI ULTIMI ... E FONDO MINERALE AUTOPRODOTTO

Ciao a tutti!
Si dicono bene .. Chi non muore si rivede!
Periodo pieno di impegni, di cambiamenti, di transizione, periodo "tosto".

Oggi volevo in primis parlare (ri-parlare) del rifugio che io e altre (poche) persone gestiamo : GLI ULTIMI.  http://www.gliultimi.org/index.html

Qui arrivano animali (in particolar modo ratti) che erano destinati alla vivisezione  o sperimentazione animale o come vogliate chiamarla).... Che dire? Stiamo bene, gli ospiti sono tanti, ognuno con le proprie esigenze, gusti e modi di fare diversi ... Ognuno da capire e cercare di gestire al meglio. OGNUNO CERCA UN'ADOZIONE.

Sempre stando tra l'incudine e il martello... Parlo specialmente di quando capitano problemi di salute... Bisogna scegliere il male minore. Da un lato la cura, la terapia, i medicinali,le analisi, l'accanimento terapeutico... a volte si sfumano con lo stress, l'eticità, la salute psico-fisica , il chiedersi cosa vorremmo per noi se stessimo male al loro posto... E' difficile tenere un equilibrio.

Qui c'è uno splendido fanciullo che illustra un pò il progetto.
http://www.youtube.com/watch?v=gEnxXceQf_U&feature=c4-overview&list=UUDiXMrF5wJf_OnT6sy4DieA

OK.. detto questo che era di gran lunga più importante...
Donzelle ... parliamo di trucchi. Fondo minerale.



Famosissimo e utilizzatissimo. Ottimo per pelli miste e/o grasse ma adatto (semplicemente mettendo sotto una crema più nutriente o misciando la polvere direttamente con la crema giorno) anche ai visini più noiosi.

Vantaggi: "asciuga" la pelle mista (zona t specialmente), non contiene ingredienti dannosi che ahimè anche in molti fondi cruelty free liquidi o in crema sono contenuti, ne basta poco quindi si rivela anche economico, con un apposito pennello (es kabuki) si fonde bene con la pelle e rimane piuttosto leggero..insomma la pelle respira.

Svantaggi: Può seccare un pò la pelle se non avete accortezze in caso di pelle secca, è scomodo poichè in polvere libera.

 E se non avete voglia di farlo (poichè bisogna acquistare gli ingredienti appositamente) ne esistono di diverse marche e prezzi... ovviamente consiglio di optare per prodotti ben fatti (che siano davvero minerali e non ecofurbate delle multinazionali cosmetiche) e cruelty free ovviamente!
Farlo a casa è molto più economico, potete ottenere esattamente il tono che volete (più o meno chiaro, più o meno rosato o aranciato, più o meno coprente, più o meno satinato)... E poi da un sacco di soddisfazioni fare una cosa con le proprie manacce!

Io seguo religiosamente la ricettina di carlita dolce. Ecco il video.

Riassumendo dovete mescolare (con un mortaio, schiacciando con un cucchiaino in una ciotolina o più professionalmente con un grinder elettrico) per una carnagione media dal sottotono giallo queste polveri :

- 25 gr di diossido di titanio (si ordina su internet)
- 5 gr di magnesio stearato (si ordina su internet)
- 4 gr di caolino o argilla bianca (in erboristeria o negozi alimentazione naturale)
- 1,1 gr ossido giallo (si ordina su internet)
- 0,3 gr ossido rosso (si ordina su internet)
- 0,2 gr ossido blu o nero (si ordina su internet)

Alcune sostituzioni : Se non avete il magnesio può essere utilizzato il talco cosmetico o l'amido di riso o la sericite mica, invece del diossido ti titanio si può usare l'ossido di zinco.

Ora se avete una jar con aposito sifter è il top. Ma può andar bene anche una piccola scatolina (tipo quelle delle creme viso) solo siate più attente quando la aprite poichè si tratta pur sempre di una polvere libera. Amalgamare il prodotto sul tappo con un pennello abbastanza grande e applicare sul viso.

Segnalo anche questo link che è davvero la bibbia dell'argomento. Per avere una guida per eventuali modifiche.

domenica 26 gennaio 2014

LACCA FISSANTE PER CAPELLI

Buongiorno!

Altra ricettina cosmetica semplicissima, presa da qui (il link porta al video dove sarà più semplice capire la procedura).

Io mi ci sono trovata molto bene devo dire ..fissa e ha un buon profumino, non esagerate a metterne perchè ha un potere fissante medio- forte.
 Non ho idea di quanto duri (intendo una vera e propria scadenza), io la tengo in bagno per mesi e mesi prima di rifarla e non ha mai accennato a prendere risvolti strani (cambio odore, particelle strane nel liquido, ecc...).

Ci occorrono:

- 76 gr di acqua distillata semplice o nella quale avete messo un infuso (la ricetta direbbe 46 acqua e 30 di acqua di fiori d'arancio)
- 4 gr di aceto di mele
- 5 gr glicerina
- 15 gr fruttosio
- olio essenziale 6 gocce (la ricetta consiglia quello di arancia dolce) o fragranza cosmetica
- 16 gocce di conservante Cosgard

Riscaldare leggermente l'acqua e sciogliere all'interno il fruttosio (si scioglie anche in acqua fredda ma occore un pò più tempo), aggiungere aceto, la glicerina, l'olio essenziale o fragranza e il conservante. Mescolare bene.
Riporre in uno spruzzino (magari di un contenitore riciclato) e utilizzare come una lacca "classica" e aggiungo "chimica".

venerdì 17 gennaio 2014

SALSINA AGRODOLCE YOGURT E BARBABIETOLA

Buongiorno a tutti!

Ieri sera cazzeggiando sul web ho trovato questa.


 Mi ha subito rapita il colore spettacolare e la combinazione yogurt - barbabietola (quelle precotte che si trovano di solito nel banco frigo).
E' davvero deliziosa, per  me ottima da mettere su verdure lessate o cotte al vapore per cogliere sapori molto originali.
Dio benedica Katy e il suo blog giroVegando in cucina.

Io ho semplificato la ricetta;  frullando insieme:

- 2 barbabietole medio-piccole precotte
- 1 spicchio d'aglio
-1 yogurt di soia (circa 100gr)
- aceto di mele (2 o 3 cucchiai)
- un pizzico di sale

Non aggiungo altro, sono ancora stordita dalla bontà di questa salsina così semplice e veloce da realizzare.



giovedì 9 gennaio 2014

PUREA DI LENTICCHIE

 
Buonasera!
Oggi una cosa semplice semplice ... Per me è stata una rivelazione!

Maurizia, una cara amica, qualche settimana fà parlava del "purea di lenticchie" come fosse la cosa più normale del mondo... Io che non ho mai amato più di tanto il classico di patata e mai avevo pensato di poterlo fare con le lenticchie ...
 S-P-E-T-T-A-C-O-L-O !
E' cremoso ma non "papposo",e dal gusto delicato e neutro un pò come le patate...

Io lo ho fatto semplicemente lessando le lenticchie (nel mio caso decorticate), frullate con un pò della loro acqua di cottura, un pochino d'aglio e rosmarino. Sale, pepe e un filo d'olio extravergine.
Provare per credere.

mercoledì 1 gennaio 2014

CHANTILLY DI ZUCCA

Buongiorno a tutti!
Spero che il vostro anno sia iniziato bene e prosegua nel migliore dei modi.
Si, ho sbollito l'acidità da feste (per chi giustamente se lo chiedesse).

Se mi fosse venuta in mente prima questa ricettina avrei partecipato al contest di Ceschina per la categoria "dolce", ma ovviamente sono oltre oltre la scadenza. Pazienza.
Spero che comunque qualcuno la trovi utile e la dedico comunque a Francesca e alla sua sana zuccamania ^-^.

A me è sempre piaciuta la crema chantilly, modo più delicata della classica pasticcera ... Anche se temo più calorica (la panna non perdona).
Non sono un amante dei "surrogati" vegetali, quindi nemmeno della panna vegetale. Questa a mio avviso è una valida e sana variante.

Ci serve:
- 1 tazza di crema pasticcera (ovviamente vegan)

Do una ricetta un pò abbozzata perchè io non peso nulla, maledetta me.

Metto il latte vegetale (ottimo quello di soia alla vaniglia oppure quello di riso) in un pentolino, zucchero di canna o malto (assaggio il giusto grado di dolcezza ^-^) e poi comincio a mettere l'amido oppure semplice farina, poco per volta sino a quando addensa.
Anche se uso il latte alla vaniglia aggiungo sempre un pò di vaniglia in polvere (da non confondere con l'orrida vanillina).
Non mettere la buccia di limone altrimenti il latte caglia e vi troverete un pò una schifezzuola. Un tofu malsano.

- 1 tazza (o 2 dipende dal vostro gusto)  di zucca lessata (o ancor meglio cotta al vapore) e frullata.

Amalgamare i due composti e se necessario aggiungere un pò di malto (perfetto riso o mais).

Io l'ho servita in una coppetta con composta di mele, ma non credo abbia controindicazioni per qualunque altro utilizzo.