venerdì 6 marzo 2015

TARALLI(NI) PUGLIESI



Penso che tutti li abbiamo assaggiati, sono buonissimi. Golosi e fragranti.
Li compro da anni e mi sono detta ... Perchè non provare a farli a casa?
Ne ho trovate diverse versioni anche con utilizzo di lievito madre, ma guardando l'etichetta di quelli che compravo il lievito (di birra o madre) non compare tra gli ingrendienti..
 Ho proseguito la ricerca e mi si è aperta questa pagina.
Pura e schietta.
Le uniche cose che ho fatto di diverso sono ridurre i dosaggi (da un kg di farina a 250 gr), aggiungere un goccino di vino in più e aromatizzarli a mio gusto.

Ingredienti:

- 250 gr di farina
- 60 ml di vino bianco
- 50 ml di olio extravergine di oliva
- un pizzicone di sale

- aromi vari ( io ho utilizzato cipolla granulare secca e concentrato di pomodoro + origano)



Impastiamo con le mani la farina, l'olio, il vino e il sale. Andiamo per gradi con i liquidi... Cercando di mantenere le proporzioni anche se occorre qualcosa di più rispetto la ricetta originale. Otterremo un impasto sodo e manipolabile. Ora potremmo anche lasciarlo così, ma perchè non cogliere l'occasione di personalizzarlo e allo stesso tempo complicarci l'esistenza?
Io ho diviso in due il mio impasto: ad una parte ho aggiunto la cipolla (1 cucchiaio circa di cipolla granulare secca) e all'altro due cucchiaini rasi di concentrato di pomodoro e origano.
Lasciamo riposare le pallette ottenute una mezz'ora.
Riprendiamo in mano la "pagnotta" e facciamo dei salamini lunghi, tubolari ... Un pò come si fà per fare i gnocchi. L'impasto tende ad aprirsi e rompersi, ma voi insistente compattando con le dita e ridando la forma tondeggiante; da quello che ho capito è così noioso perchè poi il risultato è fragrante e non secco. In poche parole saremo ripagati della faticaccia.
Tagliamo le striscioline in più segmenti da circa 6-7 cm ognuno e formiamo il tarallo (ovvero un cerchio avendo cura di premere bene con le dita sui punti di congiunzione).
Continuiamo così fino ad esaurire l'impasto.
Mettiamo sul fuoco una pentola d'acqua e portiamo a bollore. Tuffiamo pochi taralli alla volta mescolando delicatamente, attendiamo vengano a galla (proprio come i gnocchi!) e li raccogliamo col mestolo forato adagiandoli su uno strofinaccio.
Nel frattempo (tra una tuffata e l'altra) accendiamo il forno a 180-200 °C.
Disponiamo nella teglia (ricoperta con carta forno) i taralli e facciamo cuocere nel ripiano centrale del forno per circa 30- 40 minuti. Controllate di tanto in tanto i taralli dovranno apparire leggermente colorati.




Mangiateli da freddi.

Nessun commento:

Posta un commento