martedì 5 febbraio 2019

PESTO DI CAVOLO NERO

Ciao a tutti!
Ecco una ricetta sfiziosa per utilizzare il cavolo nero; ottima sia sulle bruschette che per condire pasta o cereali.

Ci occorre:
- qualche foglia di cavolo nero sbollentata giusto un minuto
- una manciata di pinoli, mandorle o anacardi (a vostro gusto)
- lievito alimentare
- olio evo, sale, pepe

Mi armo del mio fido frullatore (và benissimo anche un macinacaffè), e trito finemente la frutta secca scelta. Aggiungo il cavolo nero e se occorre un pò d'acqua fino ad ottenere una salsa uniforme. Regolo di sale e pepe e spolvero col lievito alimentare.
Se risultasse troppo asciutto basterà aggiungere un gocciono d'acqua.

martedì 6 novembre 2018

MOUSSE DOLCE DI AVOCADO

Ciao a tutti!
Latitante come non mai torno a scrivere sul mio amato/dimenticato blog.
Oggi propongo una mousse dolce a base di avocado, ottima per guarnire torte e muffin.
Da sola la sconsiglio perchè è davvero pesantina.

Io amo l'avocado più d'estate che in questo periodo, ma è ora che maturano gli avocadi del sud italia/spagna .. Ed è un peccato non deliziarci di questi nutrientissimi frutti proprio adesso che non devono arrivare dall'altra parte del mondo!

Per ottenere questa bella crema densa non dovremmo far altro che frullare ( frullatore a immersione o quello per i frullati )un avocado, un pochino di latte vegetale o acqua, 1 cucchiaio di zucchero di canna e cacao amaro (parecchio perchè deve un pò stemperare il gusto caratteristico del frutto).

Otterremo una mousse molto densa e tremendamente cremosa.

Un ottima variante a creme con grassi di dubbia provenienza. Fatemi sapere se provate o avete varianti ^-^

venerdì 8 giugno 2018

FIORI DI TIGLIO

Ciao a tutti!


in questo periodo nella mia zona sono fioriti i tigli ..E si fanno sentire con il loro profumo sublime dolce ma allo stesso tempo fresco e delicato.
Possiamo raccoglierli, farli seccare e conservare in vasetti ermetici per le nostre preparazioni cosmetiche o per semplici e ottime tisane.
Anche perchè, detto tra noi, io mi sono scocciata di pagarli in erboristeria e vedere all'interno tantissime foglioline.
 Le uniche attenzioni sono : ovviamente coglierli in zone non troppo trafficate da auto e mezzi e essere rispettosi anche del prezioso lavoro di api e insettini non lasciando interi rami sguarniti.


Se avete intenzione di farvi la vostra piccola scorta, siate svelti perchè nel giro di pochi i giorni i fiori si staccano cadendo a terra in tantissimi piccoli pezzi.

martedì 29 maggio 2018

CHIPS DI MAIS

Buongiorno

oggi condivido la ricetta vista qui delle famosissime tortilla/nachos... non ho ben capito... ma comunque delle chips croccanti di mais parliamo.
La cosa che più mi ha colpito di questa ricetta è il fatto che anche se sono fatte al forno sono buonissime, croccanti e si mantengono per almeno una settimana in un recipiente ermetico.


Ingredienti
- 150gr di farina di mais gialla
- 60gr farina di frumento integrale
- 100ml di acqua circa
- sale (un pizzico abbondante)
- due cucchiai di olio evo
- aroma a piacere (aglio in polvere, paprika, pepe nero, rosmarino ecc..)


Impasto le farine, l'olio,il sale, l'aroma scelto (nel mio caso paprika come l'originale ricetta) e aggiungo gradualmente l'acqua sino a ottenere un bell'impasto compatto.
 Lascio riposare circa 30 minuti.
Stendo l'impasto tra due fogli di carta forno aiutandomi col mattarello, sino ad ottenere una sfoglia il più possibile omogenea e supersottilissima. Taglio con la rotella delle sagome irregolari (dei triangoli se volete essere dei precisetti) e se spennello con pochissimo olio le chips, disponendole poi su un foglio di carta forno, leggermente unto d'olio anch'esso.
Cuocio in forno per circa 15 minuti a 180°C in modalità ventilata.

Se utilizzate più farina di mais e meno di frumento l'impasto sarà più difficile da stendere e ancor più croccante.

mercoledì 18 aprile 2018

INNA/ANNAFFIATOIO DI RICICLO

Buongiorno a tutti


Mi capita spesso di storpiare parole, anche di uso comune, e non ero certa si chiamasse annaffiatoio o innaffiatoio,  ma il mio adorato internet mi ha confermato che si dice in entrambi i modi e tolto questo sassolino (di ignoranza) dalla scarpa possiamo procedere ^_^.





Da una tanichetta di detergente o acqua distillata o altro (meglio se hanno il manico) possiamo facilmente ricavare un piccolo innaffiatoio così questo contenitore non finirà nella plastica, almeno fino a quando non si sarà rotto.
In pratica laviamo bene benissimo la confezione (non vogliamo residui di detersivi finiscano sulle piante), togliamo l'etichetta (per puro vezzo estetico) e ricaviamo dei forellini dal tappo con un avvitatore e una punta piccina oppure a mano con un punteruolo, attenzione a non ferirvi ! Ed ecco qui il vostro piccolo bagnafiori (si può dire anche così e lo trovo un termine delizioso).

Non so se capita anche a voi ma io odio pensare che produciamo così tanta plastica..
Tutto questo usa e getta che senso ha? perchè non possiamo riutilizzare sino a che le cose risultano in buono stato? Perchè spesso costa meno comprare un oggetto nuovo che far aggiustare quello vecchio? Perchè i prodotti alla spina sono limitati e spesso non comodi? Diciamo tutti che non abbiamo tempo, ma poi come mai lo troviamo sempre per fare shopping o stenderci sul divano a guardare la tv? Avrei ancora tanti perchè ma non vi tedio ulteriormente ^-^



domenica 8 aprile 2018

TRECCIA DI PANBRIOCHES

Ciao a tutti!


Oggi propongo (sfruttando il contest we veg) un pane diverso dall'ultimo pubblicato.. Più morbido e dolce, ottimo per merenda o la prima colazione (o quello che volete :) )


Ingredienti:
- 400gr di farina integrale
- 10gr di lievito di birra fresco
- 50gr di olio extravergine di oliva o olio di semi spremuto a freddo
- 250/300ml di bevanda di soia tiepida
- 100gr di uvetta ammollata
- vaniglia in polvere e/o buccia di limone (non trattato ovviamente)
- qualche cucchiaio di marmellata densa (nel mio caso di susine)


Preparo il "lievitino" sbriciolando il lievito in un pochino di bevanda di soia tiepida, aggiungendo qualche cucchiaiata di farina per creare una specie di pastella.
Nel frattempo metto nell'impastatrice (oppure procedo a mano) la farina, buccia di limone e/o vaniglia e l'uvetta sultanina. Aggiungo l'olio e per ultimo il lievitino. Poco per volta verso anche la bevanda sino ad ottenere un bell'impasto morbido e idratato ma allo stesso tempo compatto e non appiccicoso.
Lascio lievitare almeno due ore in un luogo tiepido coperto con pellicola o un canovaccio umido.
Riprendo l'impasto e lo stendo aiutandomi col mattarello e un pò di farina, ricercando una forma tondeggiante. Spalmo la marmellata scelta e arrotolo. Taglio il cilindro ottenuto in due parti uguali nel senso della lunghezza e intreccio, tenendo la parte dove c'è la marmellata sempre verso l'alto.
Lascio lievitare ancora due ore al tiepido coprendo lo stampo (nel mio caso da plumcake) con pellicola. Inforno (a forno già caldo) il dolce a 180 c° per 30/minuti.
Ottimo tiepido!















venerdì 23 marzo 2018

TORITINE W LA FRUTTA

Ciao a tutti!



Altra ricettina ispirata al contest WeVeg che per questo mese  indicava questi tre ingredienti: farina integrale, marmellata e latte di soia.
Io ho optato per delle tortine dolci soffici con solo zuccheri della frutta.
Ingredienti per sei tortine

- 150 gr di farina integrale
- 30 gr di olio di girasole
- 10 datteri (o 2 cucchiai di uvette) fatti ammorbidire in 130 gr circa di bevanda di soia tiepida
- una puntina di cucchiaino di lievito per dolci
- vaniglia in polvere o buccia di limone (non trattata ovviamente)
- marmellata (meglio se fatta in casa e senza zucchero)


Frullo subito i datteri con la bevanda di soia, in modo da ottenere una cremina che andrà a dolcificare naturalmente le nostre tortine.
Raduno in una ciotola gli ingredienti secchi : farina e lievito, aggiungo l'olio, vaniglia  e/o buccia di limone e la cremina ottenuta prima. L'impasto dovrà risultare morbido ma allo stesso tempo consistente e non troppo liquido. Se occorre aggiungere altro latte di soia.
Prendo la formina e la riempio con uno strato non troppo spesso di impasto, ricavo col cucchiaino una piccola conca nel quale disporre un cucchiaino di marmellata, richiudo con altrettanto impasto delicatamente come fosse un coperchio. Faccio lo stesso con le altre tortine sino a esaurire l'impasto.
Inforno a 180°C per circa 20 minuti.